Pesca in Apnea : Dentice di novembre

Racconto di Novembre – Dentice il sogno (Pasquale Taiani)

pescasubapnea : dentice all' aspetto

Erano ormai diversi giorni che il meteo non dava tregua, il mare sempre mosso non dava grosse possibilità di potersi immergere se non in zone troppo lontane dalla mia città. Sabato mattina il mare sembrava voler dare una tregua e le previsioni erano abbastanza incoraggianti per il giorno seguente, in serata la telefonata di rito all’amico Gaetano mio compagno di pesca abituale e concordiamo l’uscita per l’indomani mattina. Appuntamento alle ore 5:15 al solito posto e partenza direzione sud, in macchina decidiamo la zona da battere ma ahimè arrivati sul posto ci rendiamo conto che il mare è troppo mosso e l’acqua troppo torbida, decidiamo di spostarci verso altre 2 zone trovando le medesime condizioni, quasi rassegnati decido di spostarmi in una zona che avevo visto in passato e ricordavo essere più ridossata almeno per l’ingresso in acqua.
Arrivati sul posto e visto il mare non c’è voluto troppo a decidere che era l’unico punto ove era possibile tuffarsi, rapida vestizione e veloce pinneggiata per tirarsi via dalla forza delle onde. Appena in acqua la visibilità era di non più di 4/5 metri e la temperatura intorno ai 17/18 gradi. Cominciano i primi tuffi alla ricerca di pesce bianco ma data l’esigua profondità ed il mare un pò arrabbiato che rendeva difficile l’appostamento sul fondo decido di spostarmi più verso il largo dove la forza del mare si faceva sentire di meno.
Gli aspetti si susseguono in successione ma purtroppo è più di un’ora che sono in acqua e non ho visto nulla di sparabile. Non mi perdo d’animo e continuo la mia azione di pesca, mi trovo in una zonetta di grotto e poseidonia ed il fondale è sui 5/6 metri. Mi ventilo e scendo dopo pochi secondi sul fondo tra due ciuffi di poseidonia, vedo di fronte una sagoma che mi fissa salendo dal torbido e non riesco a mettere a fuoco subito di cosa si tratta perchè resta un pò distante e di muso. Improvvisamente ha uno scatto strano e capisco che si trattava di un sarago maggiore di buone dimensioni, “subito tra me e me” comincio ad imprecare ripetendomi di sparare anche quando il pesce è messo di muso, più volte mi è capitato di aspettare troppo anche per vedere di che razza si tratti e di perdere l’attimo. Continuo l’aspetto sperando in qualcos’altro ed all’improvviso alla mia sinistra venendo dalle spalle vedo materializzarsi una grossa ombra senza neanche capire di cosa si trattasse allineo e tiro in una tempo rapidissimo. L’asta parte veloce e subito sento il mulinello che si apre, sentivo il pesce che tirava ma non vedevo nulla per la torbidità dell’acqua. Lascio il fucile e prendo in mano il filo del mulinello e comincio ad andare verso il pesce avendo cura di mantenere sempre la sagola in tensione dato che usavo un’asta monoaletta. In pochissimo tempo sono su di lui e non appena realizzo che si tratta di un Dentice il cuore comincia a battere velocissimo dall’emozione.

pescasubapnea : Dentice con arbalete

Dentice di Pasquale Taiani (pacotaiani)

Il tiro è stato precisissimo preso al centro della branchia ed uscito sotto l’occhio, metto subito fine alla sua sofferenza e mi dirigo verso terra alla ricerca del mio compagno Gaetano che nel frattempo era già uscito.

pescasubapnea : Dentice di Pasquale Taiani

Foto di rito, mms e telefonate varie hanno concluso questa bellissima giornata…
Qualche volta i “SOGNI” si avverano..

Pasquale Taiani per il forum Pesca Sub & Apnea

1 commento »

  • subbacquo ha detto:

    grande!!!! io sabato mattina ho preso un….sacco dif reddo!!!!!!!


Lascia un commento