pescasub : Arbalete Salvimar Hero 95

Salvimar nuovo arbalete Hero 95 – Claudio Basili

Ho visto questo fucile per la prima volta in fiera all’EUDI Show di Bologna nello stand della Salvimar e mi aveva colpito la sua forma particolare e l’impugnatura. Parlando poi con l’amico Massimo Quattrone, che collabora con l’azienda, ho chiesto informazioni sul prodotto per scrivere poi il report per il forum PescaSub & Apnea. Dopo un interessante colloquio tecnico, Massimo mi ha chiesto se volevo testarlo e che me lo avrebbe spedito direttamente. Dopo qualche mese, precisamente a luglio, il fucile è arrivato a casa con un imballo di cartone completo di tutti gli accessori. In pochi minuti ho assemblato il tutto (mulinello, asta e elastici) per averlo pronto per pescare. Con l’occasione ho realizzato un video unboxing per fare vedere nel dettaglio il fucile e i vari pezzi e accessori che lo compongono.

Salvimar Hero arbalete

Video presentazione Hero 95

Andiamo ora a descrivere nel particolare il nuovo arbalete Salvimar Hero 95

Arbalete Salvimar

Misure e Pesi

* Lunghezza fuori tutto (testata – appoggio sternale) del fucile cm. 120

* Lunghezza del fucile (punta asta – appoggio sternale) con asta cm. 149

* Fusto in lega di alluminio 7075 (aeronautico)

* Fusto ellittico asimmetrico con guida asta in Teflon® (L. 47 mm. – S. 32 mm.)

* Testata aperta multi elastico (possibilità di montare ponticello)

* Distanza testata 2° Tacca 103 cm.

* Distanza testata 1° Tacca 100 cm.

* Impugnatura ergonomica con calcio destro e sinistro di serie

* Nuovo meccanismo di sgancio Heavy Metal 350 (Carico testata 350kg)

* Regolazione sensibilità del grilletto

* Appoggio sternale in gomma morbida

* Asta Salvimar CAPTURE SINGLE BARB con pinnette (130 x 7 mm.) gr. 395

* Asta Salvimar CAPTURE SINGLE BARB con pinnette (140 x 7 mm.) gr. 420

* Peso fucile senza asta (elastici – mulinello) gr. 1.600

* Peso fucile completo asta 140x7mm. gr. 2.000

* Mulinello Salvimar Max Reel (nylon caricato a vetro)

* n° 2 elastici circolari 16 mm. cm 6o

* Ogive in dynema da 3 mm.

Il Progetto

L’ Hero è stato concepito con lo scopo principale di ottenere un fucile con le caratteristiche simili a un arbalete in legno, ma con i materiali piu’ leggeri e molto robusti. Per questo fucile è stato realizzato un fusto ellittico per avere piu’ massa e aria, poi sono state inserite all’interno delle centine per renderlo piu’ rigido e stabile riducendo così il rinculo. Nella parte superiore è stato realizzato un guida-asta integrale in Teflon che diminuisce l’attrito dell’asta e lo rende molto preciso. E’ stata inoltre progettata una testata e un’impugnatura con innesto ellittico e guarnizioni O’ring su misura bloccate da una spina laterale inox. Ogni fucile viene testato in Salvimar con speciali macchinari a 8 atm per evitare qualsiasi infiltrazione d’acqua nel fusto.
Tutti gli assemblaggi sono controllati uno per uno per ottenere un prodotto finale perfetto.
L’arbalete Hero è prodotto completamente in Italia nelle misure 75-85-95-105-115-135 con impugnatura destra e sinistra di serie.

.

La Testata

 

La testata è realizzata in unico stampo in nylon caricato a vetro. Nella parte anteriore presenta una generosa asola, dove si inseriscono gli elastici circolari, (in dotazione due da 16mm.) la parte superiore, dove poggia l’asta, è aperta come nei fucili in legno, ma c’è la possibilità, in relazione alle specifiche necessità personali, di inserire un ponticello. Nella parte bassa presenta un’unghia, dove passa e si blocca la sagola che proviene dal mulinello. La parte terminale, quella che entra nel fusto, ha una forma ellittica ed è fornita di due guarnizioni O’Ring per rendere l’accoppiamento perfettamente stagno. Il tutto è bloccato con una generosa spina orizzontale.

#pescasub #pescainapnea

Il Fusto

L’Hero, come scritto in precedenza, ha il fusto ellittico realizzato in alluminio 7075 utilizzato anche in ambito aeronautico, presenta nel suo interno delle centine per togliere l’effetto risonanza e per aumentare la rigidità della struttura. Nella parte superiore è stato realizzato un guida asta integrale (verde) in teflon, materiale leggero e indeformabile dagli agenti atmosferici. Con questa forma e lavorazione il fusto riesce ad avere un’ottima massa e una grande galleggiabilità che agevola quando si va a equipaggiare il fucile completo.
Il fusto è verniciato di nero e trattato in modo da renderlo molto resistente ai graffi e ai colpi accidentali. Nella parte posteriore, vicino all’impugnatura, ci sono due fori utilizzati per fissare il mulinello in dotazione.
Nella parte finale del fusto, è montata l’impugnatura con lo stesso sistema a incastro della testata.

#pescasubapnea #pescainapnea

Impugnatura e Sistema di sgancio

 

Particolare dell’impugnatura Hero

L’impugnatura del Hero è realizzata, come la testata, in nylon caricato a vetro ed è stata completamente ridisegnata per produrre un nuovo progetto. La parte di gomma anatomica (verde) è amovibile per avere un’impugnatura ergonomica ambidestra (di serie). L’appoggio sternale, per agevolare il caricamento, è minimale e leggermente piegato verso il basso, per non influenzare la linea di mira.
La parte terminale di accoppiamento verso il fusto è ellittica e bloccata con lo stesso sistema di fissaggio della testata.

Particolare del sistema di sgancio

Anche il sistema di sgancio “Heavy Metal 350” e tutti i suoi interni sono stati riprogettati per avere una maggiore morbidezza del grilletto anche con carichi elevati (provato fino a 350 kg). Nel punto di sfregamento, è stato inserito un cuscinetto sulla noce che riduce gli attriti e agevola l’uscita.
Nella parte sinistra è stata inserita una sicura meccanica che blocca lo sgancio, sotto il grilletto è stata inserita una vite per regolarne la sensibilità.
Tutte le parti (leveraggi, molle, spine, grilletto, sgancia sagola e gancio di fissaggio) sono in acciaio inox.

#pescasubapnea #pescasubcquea

Il Mulinello

 

Particolare del mulinello Max Reel

Anche per il mulinello “Max Reel”, come la testata e l’impugnatura, è stato utilizzato in Nylon caricato a vetro al 30%, mentre le parti di fissaggio e il passa sagola, sono in Delrin e acciaio inox.
Il Max Reel ha una robusta bobina di diametro 85 mm con una profondità di 45 mm. e nonostante il suo minimo ingombro, puo’ stipare circa 75 mt di sagolino da 1.5 mm. di spessore.
Il disco frizione, rispetto ai modelli precedenti, è migliorato ed è stato aumentato per avere una maggiore pressione. La frizione è regolabile, estremamente sensibile e molto fluida.

Il pomello di riavvolgimento, messo sul bordo della bobina, ruota ed è sagomato per agevolare la presa con i guanti.

#pescapnea #pesca

Asta e Elastici

 

Particolare elastici e pinnette

L’Hero 95 monta di serie un’asta da 130 cm. di diametro 7 mm. mono aletta modello Capture Single Barb con 3 pinnette molto pronunciate e finemente lavorate, di cui uno con il foro per passare la sagola per la legatura.
L’asta è di acciaio inox 17-4 PH e le pinnette sono applicate mediante una saldatura laser M.I.M (Metal Injection Molding).
L’asta monta una nuova aletta a profilo scalato ed è disponibile mono e doppia aletta.
Gli elastici di serie sono due circolari da 60 cm. della Salvimar da 16 mm. neri e le ogive di caricamento sono in dyneema da 3 mm.

#pescapnea #pesca

Prova in Mare

Prima di iniziare voglio fare una breve premessa.
Normalmente prima di scrivere un articolo su un prodotto, in questo caso un fucile, aspetto sempre molti mesi e svariate uscite perché voglio effettivamente capire come si comporta in diverse situazioni in modo da capire i pregi e i difetti. Portarlo in acqua una/due volte o peggio, guardalo e dare un giudizio, non è corretto verso chi legge e vuole avere delle informazioni sicure per un futuro acquisto.

Le prove in acqua sono state eseguite nel mare limpido della Sardegna nel periodo delle vacanze e nel Lazio (Santa Marinella – Civitavecchia) dove abitualmente pesco tutto l’anno.

Ho testato l’Hero 95 in diverse situazioni di mare e con visibilità ridotta, quindi sono riuscito ad avere una panoramica completa per comprendere nel migliore dei modi il suo comportamento in pesca.
Il caricamento è quello classico per un fucile con testata a foro unico; si porta l’elastico piu’ corto (quello piu’ vicino a noi) sulla prima tacca e poi si arma l’elastico piu’ lungo sulla seconda tacca.
In questo modo gli elastici si affiancano tra loro senza accavallarsi.

Nella prima uscita avevo la configurazione standard della Salvimar, (asta da 130 cm da 7 mm.) ed ho testato l’equilibratura e i vari spostamenti in acqua per prendere confidenza con l’arma nuova.
Ho notato che il fucile in acqua è leggermente positivo in punta e molto leggero. Mi aspettavo sinceramente un fucile piu’ pesante.

Il brandeggio orizzontale a braccio disteso è fluido e lineare, mentre un pochino piu’ lento lo spostamento verticale. Per aumentare la velocità in caso di necessità si puo’ ruotare leggermente il polso per tagliare meglio l’acqua.

La prima pescata è stata con mare formato, acqua torbida e corrente sul fondo che mi spostava un po’ da tutte le parti.
Nonostante la situazione, ho riscontrato una buona stabilità del fucile, riuscivo a tenere fermo il fusto e ben in linea, merito anche dell’ottima impugnatura.

Quel giorno, nonostante non sia abituato a un fucile leggermente positivo, sono riuscito a fare un unico tiro e a prendere un discreto sarago.
Ho provato questa configurazione per altre due volte, poi ho deciso di modificare l’assetto per renderlo piu’ adatto al mio modo di pescare.

Invece di mettere del piombo sotto al fusto, ho semplicemente cambiato asta mettendola 10 centimetri piu’ lunga (140 cm x 7mm.) per aumentare il peso di circa 20 gr. (distribuito su tutto il fucile). Il risultato finale è stato perfetto per le mie esigenze, maggiore stabilità e miglior brandeggio.
Con questa nuova configurazione ho pescato tutta l’estate in Sardegna e devo dire che il fucile è migliorato tanto anche in gittata e penetrazione.

Il tiro è silenzioso, veloce e preciso, i due elastici circolari da 16 mm. riescono a spingere l’asta da 7 mm con molta forza, la doppia passata di sagola viene completamente tesa dando uno strattone al mulinello. Quando il pesce è in mira non ha scampo.

Ho fatto catture di pesci con tiri in condizioni diverse, anche in tana che non è la mia specialità e devo dire di non aver riscontrato problemi di mira nonostante non sia il mio fucile abituale.
Il fucile ha un rinculo veramente contenuto, nonostante un doppio elastico da 16 mm. e l’asta da 7 mm. Sinceramente mi ha dato la sensazione, durante lo sparo, di imbracciare un fucile con fusto di legno in quanto assorbe il contraccolpo ed è stabile, merito sicuramente della struttura del fusto.

Lo reputo ottimo e potente per la pesca all’aspetto nei tiri lunghi, ma anche agevole nei movimenti per la pesca all’agguato. Mi sono trovato veramente bene in tutte le situazioni, si riesce a spostare con piccoli movimenti del polso in tutte le direzioni.

Il mulinello è molto capiente e poco ingombrante, purtroppo la frizione ogni tanto s’impunta e quando si recupera la sagola, si fa fatica nel riavvolgerla.

Ho realizzato un video dimostrativo in mare per farvi vedere come si comporta durante la pesca.

#pescapnea #pesca

Conclusioni Finali

Erano molti anni che non provavo un fucile con una produzione industriale, ho spesso e volentieri testato prodotti artigianali e devo dire che l’impressione è stata molto positiva.
Si vede benissimo dai materiali utilizzati e dalla cura nei dettagli, che l’azienda Salvimar ha investito tanto per creare questo arbalete.

L’Hero è veramente ben fatto e curato nei particolari, prendendolo in mano si sente il peso e la compattezza dell’arma che poi sparisce in acqua diventando leggero e piacevole da impugnare.
Per me è veramente un ottimo fucile, il rapporto qualità prezzo è tra i migliori sul mercato.
Mi ha impressionato in particolare il fusto ellittico, ma soprattutto il sistema di sgancio veramente ottimo, una fattura di alto livello che lo pone a mio avvisto tra i migliori sul mercato.

Se devo trovare, un piccolo difetto è solo sul mulinello, a mio avviso si potrebbe migliorare, anche se il suo lavoro alla fine lo fa ugualmente.

Volevo ringraziare Stefano Mazzi di Acquasport Grosseto che ha realizzato e poi spedito l’adattatore per la staffa della videocamere in acciaio inox da montare sul Salvimar Hero.

Ci tengo a precisare che le impressioni ricavate da questi test sono strettamente personali e possono essere anche non condivisibili, il mio scopo è di condividere con tutti le mie impressioni sul prodotto.

La proprietà del materiale pubblicato nel FORUM pescasubapnea.forumfree.it, salvo diversa indicazione, è dei rispettivi autori. E’ vietata la ripubblicazione, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato nel sito pescasubapnea.com senza preventiva autorizzazione scritta.”

Claudio Basili

2 Comments »

  • FERNANDO PANELLA ha detto:

    Ottima recensione, bel video di pesca dove si vede l’equilibrio dell’arma.

  • admin ha detto:

    Assolutamente d’accordo, un fucile ben progettato e in acqua è perfetto.
    Ciao
    Claudio


Lascia un commento