Muta apnea : Camu 3D Omer Sub

Muta mimetica tridimensionale CAMU 3D Omersub

pescasubapnea : Muta Omersub CAMU 3D

Questa estate 2010 è stata caratterizzata da alcuni nuovi acquisti per quanto riguarda l’attrezzature, tra i quali la nuova muta mimetica della Omersub, la CAMU 3D e volevo condividere la mia esperienza su questo nuovo prodotto. Avevo già utilizzato per un paio di stagioni la OMER Green Mimetic con molta soddisfazione,  anche se il primo modello aveva un problema. L’azienda, che ringrazio per la serietà e celerità, una volta assicurata della cosa,  me l’ha sostituita in garanzia.  Questo nuovo modello, vedendolo ad un mio amico, mi ha subito affascinato e dopo l’esperienza positiva non ho esitato ad acquistarla dal mio negoziante di fiducia. La caratteristica principale, da non sottovalutare quando si compra una muta, è quella di poter scegliere in modo separato (giacca e pantalone) sia la taglia che lo spessore, cosa che non succede su alcune marche conosciute del settore.
Nel mio caso specifico ho acquistato un pantalone con bretelle misura III ed una giacca misura IV (le maniche sono più lunghe) entrambi da 5 mm.

pescasubapnea : Camu 3D Omersub

A primo impatto, quello che colpisce un po’ tutti, è la bellezza di questo capo, il mimetico realizzato dalla Omer è veramente innovativo. Non si tratta di un semplice disegno, ma di una vera e propria fotografia tridimensionale del fondale. Infatti si possono riconoscere, oltre alla roccia, anche i vari organismi e addirittura i ricci. In poche parole una riproduzione fedele del fondo che ci aiuta al massimo nella mimetizzazione.

Parliamo ora della vere caratteristiche che ha questa nuova muta, poichè la OMER ha fatto delle importanti modifiche a partire dal neoprene. E’ stato utilizzato un nuovo neoprene giapponese molto morbido con una fodera super elastica che rende la muta comodissima e calda. E’ stato realizzato un nuovo taglio aumentando così il confort e le cuciture chiaramente non sono passanti. Sono stati applicati dei rinforzi, sui ginocchi e sul petto (appoggio sternale) per caricare il fucile, di una particolare gomma che non irrigidisce le zone, ma nel contempo le protegge.
Di seguito ho messo questo video per far vedere effettivamente le qualità elastiche di questo nuovo neoprene.

La giacca è la parte dove sono state inserite due novità per quanto riguarda la pesca in apnea. Nel cappuccio sono stati creati due inserti foderati internamente all’altezza delle orecchie per togliere il fastidioso effetto ventosa, mentre all’altezza della nuca (centro) è stato inserito un sistema (lo stesso che viene utilizzato nelle mute stagne) che consente la fuoriuscita dell’aria ed impedisce all’acqua di entrare.

pescasubapnea : Camu 3D rinforzo ginocchio pescasubapnea : Camu3D appoggio sternale

Protezioni ginocchia e sterno

pescasubapnea : Camu3D cappuccio aria pescasubapnea : Camu3D orecchie

Particolare valvola aria cappuccio e protezione orecchie

Per finire, tutte le parti esterne (polsi, cavigliere e contorno cappuccio), sono state rinforzate da una striscia di tessuto superelastico che scongiura ogni tipo di slamatura del tessuto senza creare fastidi quando si indossa durante tutta la battuta di pesca.

pescasubapnea : Omer Camu 3D aspetto

Prova in Mare

Sono ormai ben 3 mesi che utilizzo questa muta e quindi posso sicuramente condividere le mie impressioni su questo nuovo capo della OmerSub.
Il test più importante l’ho effettuato questa estate in Sardegna, poichè l’ho utilizzata per ben 3 settimane senza mai risciacquarla in acqua dolce lasciandola del borsone insieme a tutta l’attrezzatura. Come tutte le mie mute, ho inserito nel pantalone il comodissimo “Pisciarino” poichè non sopporto l’urina sulla pelle durante le battute di pesca.
Come tutte le mute spaccate per indossarla ho utilizzato una mistura di acqua e sapone liquido neutro ed ho notato che ne basta veramente poco per farla scivolare. Il neoprene è fantastico, ha una morbidezza fuori dal normale ed anche fuori dall’acqua è di una comodità superiore alla norma.
In acqua poi le cose migliorano, sembra di non avere nulla. Il neoprene aderisce in modo perfetto ed in pochi secondi sono riuscito a far uscire tutta l’aria alla prima capovolta.
La valvola sul cappuccio è veramente una bella trovata, anche l’ultima bollicina più piccola e’ scomparsa, a mio avviso dovrebbero utilizzare questo sistema su tutte le mute.
Dove ho pescato ho sempre trovato un fastidioso taglio freddo e devo dire che lo sentivo solo dall’unica parte scoperta, il viso. La muta è veramente calda nonostante sia di 5 mm. e la temperatura minima riscontrata sul fondo era di ben 18° contro i 22° in superficie.

pescasubapnea : Camu 3D Omer planata

Nonostante questa differenza di temperatura, riuscivo senza problemi a pescare più di 5 ore a battuta senza mai uscire dall’acqua (pescavo senza gommone d’appoggio) ed una volta sono arrivato a 7 ore consecutive senza sentire freddo.
In profondità (sono arrivato massimo 20 mt.) non ho sentito schiacciamenti esagerati sulla muta, la variazione è stata minima e non ho avuto nessun problema a controllare la velocità di discesa.
Finite le 3 settimane di ferie ho finalmente risciacquato la muta, in genere uso la lavatrice a programma delicato in acqua fredda e metto un po’ di ammorbidente.
A muta asciugata mi sono messo a controllare minuziosamente ogni piccolo particolare e non ho trovato nessun tipo di smagliatura o tagli al tessuto (utilizzandola da terra sono stato spesso seduto sugli scogli). Solo un filo di una cucitura tirato alla coda di castoro e qualche pallino al tessuto dove c’e’ la cintura di zavorra (non utilizzo la cintura in gomma).
Per il resto la muta non riportato usura ed è la prima volta in tanti anni che succede, in genere qualche piccola riparazione lo faccio sempre.
Bisogna pero’ fare attenzione quando si indossa e si toglie la muta, poichè essendo un neoprene molto morbido c’e’ il pericolo di tagliarlo con le unghie. Se accade basta poco neoprene liquido (il tubetto della OMER è favoloso) ed il taglio si salda senza problemi.
Chiaramente questo lavoro va fatto a muta asciutta.
In conclusione posso solo dire di essere molto soddisfatto di questa muta, rispetto ai vecchi modelli non c’è paragone, un salto di livello sicuramente elevato, molto probabilmente acquistero’ anche la giacca da 7mm. per l’inverno.
Al prossimo test!!

pescasubapnea : Camu 3D dentice

Si ringrazia la OMER SUB per aver permesso la pubblicazione delle foto in mare.

La proprietà del materiale pubblicato nel FORUM pescasubapnea.forumfree.it, salvo diversa indicazione, è dei rispettivi autori. E’ vietata la ripubblicazione, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato nel sito pescasubapnea.com senza preventiva autorizzazione scritta.”

Claudio Basili

15 Comments »

  • GJG_Geranius ha detto:

    Mai test fu più gradito!!!! Grazie Claudio..

    P.S. ammazza che accento romano AAOOOO!! 😛

  • Luigi ha detto:

    Anche io ho testato questa estate la 5 millimetri e concordo su tutto quanto detto. Devo dire che la morbidezza e vestibilità sono da record peraltro è un pò delicata anche con per le abrasioni e i rinforzi a pare mio quasi ininfluenti.
    La muta comunque concordo … è calda e ben fatta non adatta secondo me per chi opera prevalentemete sul grotto, ma è normale data l’estrema comodità del capo.

  • Tommaso ha detto:

    Anche io non mi sono trovato affatto male, ma che sia tutto oro no…..
    – protezioni sterno e ginocchia completamente scollate e distrutte in appena 2 settimane (eppure quest’estate non ho fatto strusciapanza)
    – facciale veramente troppo stretto, tanto che i primi giorni avevo veramente difficoltà a levarmi il cappuccio (tanto un bacio in fronte da una medusa l’ho preso lo stesso….)
    – alamari troppo grossi e spessi, piuttosto scomodi sia in acqua che fuori (es. stando in piedi davanti al timone del gommo drusciano continuamente tanto che i miei sono diventati bianchi….)

  • admin ha detto:

    Ciao Tommaso,
    sinceramente quello che hai scritto non l’ho riscontrato, forse la muta ti va stretta.
    Il cappuccio è perfetto, almeno per la mia testa e viso (l’avrei scritto), le protezioni dopo 3 settimane di duro lavoro (ma ci pescavo già da prima) sono intatte, posso farti vedere una foto e controllare.
    Gli alamari sono sempre gli stessi utilizzati su tutte le mute Omer e tranne uno che mi si è rotto sul precedente modello, vanno bene. Questioni di gusti ed abitudini, la cosa importante che è molto calda, morbida e robusta, poi vedremo con il tempo.

    Ciao

    Claudio

  • Giosuè ha detto:

    Servizio molto curato nei minimi dettagli come sempre grazie Claudio

  • GIANLUCA GAROFALO ha detto:

    OLTRE ALLA NUOVA COLORAZIONE MIMETICA 3D LA COSA CHE MI HA DAVVERO COLPITO DI QUESTA MUTA è LA SUA MORBIDEZZA…….
    COMPLIMENTI PER LA RECENSIONE!!!!
    GIANLUCA

  • massi ha detto:

    favolosa, la omer si conferma come la migliore in tutto e per tutto!!!!!!!!!!!!!!!!
    4 ore in mare senza sentire freddo, (sono un pochino freddoloso), consigliata vivamente

  • luigi ha detto:

    Sono d’accordo con tutti anche con Tommaso, i rinforzi su sterno e ginocchia sono quasi inutili, direi decorativi forse è l’unica pecca. Anch’io per il cappuccio non avuto problemi anzi è il migliore che ho provato, ma questo va a gusti e conformazione fisica.

  • admin ha detto:

    Luigi sinceramente io non ho riscontrato problemi, ho utilizzato questa estate due fucili tosti da caricare, un Mrcarbon 119 con elastici da 20mm e poi un Joker 410 settato a 110 cm. con doppio da 17,5.
    Pensa che con la vecchia muta mettevo sotto un tappetino del mouse per il dolore sullo sterno, con questa muta invece tutto ok.
    Ciao
    Claudio

  • Tommaso ha detto:

    Facendo seguito al mio precedente messaggio aggingo che ieri ha iniziato ad aprirmisi il tessuto intorno ad un alamaro, apparte 15 giorni d’agosto della muta ho fatto un uso settimanale, qundi direi niente di che, naturalmente i riporti sternali se ne sono ormai andati da mò…. non conto di farci un’altra stagione
    ciao
    Tommaso

  • admin ha detto:

    Sono tornato proprio oggi da una settimana di ferie in Sardegna ed ho nuovamente pescato sempre con la stessa muta.
    Ho controllato bene e non ha nessun tipo di scollamenti sia ai rinforsi che sulle cuciture.
    Saro’ fortunato a me va benissimo.
    Ciao

  • Tommy ha detto:

    Ottimo test, grazie Claudio!
    Continua a testare 😉
    Anche io uso la 3D camo e sarei stato ancora più soddisfatto se i rinforzi su gomiti e ginocchia fossero stati abbondanti e in supratex.
    Il rinforzo sternale è inesistente …
    Tutto il resto è OK!

  • Francesco ha detto:

    questa è senz’altro una muta che si può definire l’anello di congiunzione fra le prossime mute che il mercato e le nuove tecnologie ci forniranno e la vecchia guardia. come tutti gli ibridi ha i suoi pregi ed i suoi difetti. io credo che molto conta la conformazione del nostro fisico. mi spiego meglio: ho visto una taglia 4 che mi pare sia paragonabile alle terze taglie di molte altre mute. è vero che il tessuto è morbido ed elastico, però non è giusto tenerlo in una certa trazione. c’è chi passando dalla quarta misura di un’altra muta alla quarta misura della camu, è come se passasse dalla 4 alla terza, ed è così che possono sorgere problemi. non tanto per l’apneista poichè grazie al comfort della muta non se ne accorge nemmeno della taglia leggermente piu piccola, quanto piuttosto ai materiali stessi della muta. io l’unica cosa che rimprovero è la delicatezza. sicuramente in futuro dovranno lavorare molto per regalarci qualcosa di meno delicato.

  • giancarlo ha detto:

    ciao a tutti ragazzi vorrei acquistare anch’io questo modello di muta ma nella mia citta non c’è nessuno che la vende sono costretto ad acquistarla online ma non vorrei sbagliare la taglia io sono alto 1.74 e peso 70kg quale misura mi consigliate..grazie

  • admin ha detto:

    Questa muta se non sbaglio è difficile da trovare, io sono molto simile a te come misura, secondo me ti va bene una III L (piu’ lunga di qualche cm rispetto alla III normale)

    Ciao


Lascia un commento