pesca in apnea : Arbalete Graphite 99 C4

Pescasub : Test arbalete in carbonio Graphite 99 C4 (Claudio Basili)

pescasubapnea : Arbalete Graphite 99 C4Ho acquistato questo fucile i primi di marzo per il mio compleanno dal mio negoziante e amico di fiducia, Fabio Aleandri Emporio del Pescatore. Tutto è nato perchè ero passato per fare un cambio di materiale, quando ho visto questo fucile tutto allestito acquistato da un altro pescatore romano. Non ci ho pensato su due volte, sono stato folgorato dalla bellezza dell’arma e dalla voglia di provarlo. Alla fine l’ho portato a casa con me.
Il Graphite è un fucile arbalete progettato completamente al CAD ed ha un design molto originale e curato, frutto dell’esperienza di molti anni e ricerche.
Come gli altri modelli della C4, il Graphite è una struttura monoscocca 100% in carbonio Megaforce T700.
Ho realizzato un video per far vedere da vicino, a chi non conosce questo fucile, le sue particolarità ed il design.

Andiamo ora a descrivere nel dettaglio il materiale utilizzato e le varie parti che lo compongono.
Come ho precedentemente scritto, il fucile è stato realizzato in monoscocca carbonio T 700 Megaforce, quindi fusto, testata ed impugnatura sono solidali, gli altri componenti ed accessori sono in acciaio inox.

pescasubapnea : Graghite 99 vista completa pescasubapnea : Arbalete Graphite 99 C4 totale

Fabio Aleandri dell’ Emporio del Pescatore

Fusto
Il fusto ha una sezione variabile ed ellittica, dove la misura piu’ piccola è nella testata, mentre la parte piu’ larga è nei 3/4 e questa varia in base alla lunghezza totale del fucile.
Il Graphite ha una particolarità unica, si tratta del sistema SHAFT – SLIDER integrale in pieno carbonio. L’esclusivo SHAFT – SLIDER completamente piatto e lineare nel contatto con l’asta, dona la massima precisione ed i minimi attriti. L’asta appoggia su di esso esclusivamente su una esatta linea retta teorica, evitando così torsioni nel movimento dovute a casuali punti di contatto tra superfici coniugate che, complici gli attriti e la grande velocità dell’asta, generano traiettorie meno precise. SHAFT – SLIDER  rispetto ad un guida asta classico, rende il fucile versatile, adatto all’uso di qualsiasi tipologia d’ aste in commercio.

pescasubapnea : Testata Graphite 99 C4 - larghezza pescasubapnea : Testata Graphite 99 C4 - spessore

Particolare misure della testata Graphite 99

pescasubapnea : Fusto graphite C4 99 - SHAFT – SLIDER pescasubapnea : Fusto graphite C4 99 SHAFT – SLIDER

Particolare dello SHAFT – SLIDER

Anche in questo modello, a fianco allo SHAFT – SLIDER, è presente un foro per facilitare il caricamento mediante l’inserimento di una vite inox. La lunghezza totale (fine testata – appoggio sternale) del Graphite 99 è di 121 cm. mentre 99 è la distanza dal centro testata alla seconda tacca dell’asta.

Testata
La testata è tra le piu’ piccole sul mercato, il nuovo ed esclusivo sistema di contenimento degli elastici TWIN – ARM consente di poter montare uno o due elastici circolari di diverse misure facendoli lavorare parallelamente al fusto e all’asta eliminando così gli attriti.

pescasubapnea : Testata Graghite C4 pescasubapnea : Testata Graghite C4 perticolare

Particolare della testata Graphite

pescasubapnea : Misura testata Graghite C4 pescasubapnea : Misura testata Graghite C4 lat

Misure della testata Graphite

Come e’ riportato nel sito della C4, i due bracci del TWIN – ARM consentono una sezione laterale minima della scocca in carbonio, a tutto vantaggio del brandeggio.
TWIN – ARM consente inoltre la completa eliminazione dei tradizionali fori per il passaggio degli elastici circolari o le non meno ingombranti protuberanze apposite, site proprio in una zona dove il volume della struttura causa elevata perdita di maneggevolezza.
Senza, tutto si muove al meglio.

pescasubapnea : Testata con piombo Graghite C4 pescasubapnea : Testata piombata Graghite C4

Particolare della piombatura aggiuntiva

Nella parte posteriore della testata è stato creato un foro a vite per poter piombare, in base alle nostre esigenze e gusti, il fusto e renderlo piu’ negativo se vogliamo cambiare tipo di asta con una piu’ leggera.
Personalmente applico la piastrina costruita da me quando monto un’asta da 6,5 mm. poichè a me piace un fucile leggermente negativo. Quando invece utilizzo un’asta da 6,75 o 7 mm. non metto nulla.

Impugnatura

L’impugnatura non è cambiata è sempre la classica utilizzata su tutti i modelli della C4, è anatomica e regolabile mediante delle renelle in teflon.
E’ disponibile in due taglie sia per destrorsi che per mancini.

pescasubapnea : impugnatura Graphite pescasubapnea : impugnatura Graphite C4

Particolare impugnatura Graphite C4

Il Graphite è dotato del sensibilissimo e collaudato meccanismo di sgancio C4, una meccanica esclusiva e particolare in AISI 316. Personalmente l’ho provato anche con tre circolari ed è rimasto sempre morbido e preciso.

Mulinello

Per il Graphite è previsto un nuovo mulinello (ancora non disponibile) Ghibli HL/HM ( secondo misura ) ed è disponibile in 4 modelli per coprire molteplici utilizzi.
Al momento viene equipaggiato del classico mulinello MPL55, caratterizzato da una leggera e robusta bobina in nylon rinforzato con la capacità d’oltre 50 mt di sagola.

pescasubapnea : Mulinello C4 MPL 55 pescasubapnea : Mulinello C4 MPL55

Il mulinello è caratterizzato da un doppio sistema di frizione, la prima agente sulla bobina tramite un pomello di regolazione di facile presa e la seconda agente tramite una molla sagomata direttamente sulla sagola avvolta nella bobina.
Quest’ ultima frizione consente la migliore aderenza della sagola durante il ravvolgimento ed evita il formarsi di grovigli di sagola se essa viene srotolata velocemente

La struttura in carbonio del Graphite non necessita di manutenzione, (come poi anche gli altri) è stabile nel tempo e non si altera dimensionalmente.

Prova in mare

Il fucile era configurato con un doppio circolare da 14 ed asta da 140 cm da 6,5 mm. ed ogive Sigalsub.
La sensazione provata quel giorno è stata fantastica, appena in acqua ho subito apprezzato il suo miglior assetto ed equilibrio rispetto agli altri. La sua forma molto particolare lo rende perfetto in acqua.
Il brandeggio, se gli elastici sono stati caricati correttamente, è perfetto e superiore ad altri modelli in legno o similari. La disposizione degli elastici parallela all’asta è veramente efficace. Vista la scarsità del pesce mi sono divertito in acqua spostando in tutti i modi il fucile e devo dire che rispetto al Mr Carbon non c’e’ grande differenza a parità di lunghezza.

Ho poi finalmente trovato un sarago che ho colpito con un tiro lungo e preciso. Qui il fucile ha dato il meglio, rinculo appena percettibile e potenza niente male nonostante gli elastici da 14.

La linea di mira è molto pulita, non avendo testata, e gli elastici posizionati paralleli non creano problemi come a volte puo’ accadere con elastici inclinati rispetto al fusto. Volendo fare un confronto con il Mr Carbon devo dire che è un po’ piu’ lento l’armamento ed il posizionamento delle volute, pero’ una volta capito il sistema diventa automatico.

Prova in Piscina

Visto i problemi di maltempo ho deciso comunque di provare il fucile in vari assetti in piscina in modo da poter poi entrare successivamente in pesca con la configurazione a me piu’ congeniale.
Considero le prove a bersaglio molto importanti perchè si capisce perfettamente come tira il fucile e l’effettiva potenza e precisione in base al tipo di asta e di elastici utilizzati.

La prova è stata fatta a circa 2 metri di profondità con il bersaglio posto a 4 metri (un piombo sul fondo indicava la distanza esatta) dalla punta del fucile.
Il bersaglio era di materiale espanso HD di 7 cm. di spessore fissato sul fondo da due ventose.
Ho riprovato a fare un tiro con la stessa configurazione utilizzata in mare, accorciando pero’ di 1 cm. gli elastici per vedere se cambiava qualcosa.
Il tiro è risultato potente ma purtroppo un elastico si è tagliato all’altezza della legatura, forse troppo stressato, e l’asta è andata fuori bersaglio colpendo l’espanso lateralmente.
Fortunatamente si è rotto al momento dell sparo.

Successivamente ho cambiato configurazione, montando due circolari da 16 mm. Superelax tagliati a fattore 3.3, ogive in dyneema ed asta SigalSub doppia aletta 140 cm. da 6,75 con quattro pinnette.
Devo dire che nonostante la mia abitudine alle ogive classiche, con il dyneema sono riuscito a caricarlo senza problemi utilizzando il perno/vite inox mettendo nel foro.
Con questo equipaggiamento il fucile a mio avviso è ancora piu’ equilibrato per come sono abituato, leggermente negativo (chiaramente non ho messo il dischetto di piombo).

Ho effettuato ben 6 tiri in sequenza ed il risultato è stato strabiliante, la potenza è aumentata considerevolmente rispetto agli elastici da 14 mentre il rinculo e la precisione non è affatto cambiata.
I tiri oltre ad andare a bersaglio pieno, hanno trapassato la tavoletta di espanso in modo prepotente; l’asta è andata oltre 2 metri. Un vero cannone!

Questo è il video con 4 tiri molto simili tra loro dove mostrano le qualità di questo fucile.

In conclusione devo dire di essere rimasto molto soddisfatto, ma non avevo dubbi, Il Graphite 99 è il fucile che mi mancava e che da quel qualcosa in piu’ rispetto al mio fucile di sempre. Spero di poterlo utilizzare quanto prima su qualche bel pesce e di corredarlo di relativo video.

Questi sono due video fatti in mare per farvi vedere come si comporta il fucile sulle prede.

Prima di salutarvi volevo dare qualche consiglio, sul metodo di caricamento degli elastici.

  1. Montare in testata prima il circolare piu’ lungo e successivamente il corto.
  2. Caricare prima il corto passando all’interno del circolare lungo sulla tacca piu’ vicina.
  3. Caricare successivamente il circolare lungo sulla tacca piu’ lontana (utilizzare il perno inox)
Con questo sistema gli elastici si posizioneranno perfettamente allineati senza sormontarsi.
Chiaramente non caricare il fucile a secco (a parte vietato e pericoloso) ma farlo sempre in acqua perchè gli elastici ricevono uno stress sugli Band Elevator e si possono creare dei graffi che potrebbero danneggiarli

Con questo metodo gli elastici si posizioneranno perfettamente allineati senza sormontarsi.

Chiaramente non provate a caricare il fucile a secco (a parte vietato e pericoloso) ma farlo sempre in acqua perchè gli elastici ricevono uno stress sugli Band Elevator e si possono creare dei graffi che potrebbero danneggiarli.

Ringrazio Fabio Aleandri e Marco Bonfanti per i consigli.

Ci tengo a precisare che le impressioni ricavate da questi test sono strettamente personali e possono essere anche non condivisibili, il mio scopo è quello di condividere con tutti le mie impressioni sul prodotto.

La proprietà del materiale pubblicato nel FORUM pescasubapnea.forumfree.it, salvo diversa indicazione, è dei rispettivi autori. E’ vietata la ripubblicazione, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato nel sito pescasubapnea.com senza preventiva autorizzazione scritta.”

Claudio Basili

21 Comments »

  • Fabio Famà ha detto:

    Grazie Claudio per questa precisa e accurata recensione! Ciao. Fabio

  • admin ha detto:

    Grazie a te per averla letta ed apprezzata.

    Ciao

    Claudio

  • Fabrizio Fantini ha detto:

    Ciao Claudio,
    ottima, come sempre, la tua recensione; anche io uso il Graphite99 e per bilanciarlo, anzichè usare il piombo da avvitare sul foro inferiore, ho realizzato una copia delle fasce in acciaio che contengono gli elastici, realizzando così un “sandwich” del peso desiderato, senza alterare il profilo del fucile.

  • admin ha detto:

    Grazie Fabrizio per i complimenti.
    Avevo pensato anche io a questa soluzione, ma non so a chi far fare le placchette inox piu’ spesse e sagomate in quel modo.
    Con il piombo pero’ è piu’ veloce, pochi secondo tolgo la vite ed è fatta.

    Ciao

    Claudio

  • Dartikus ha detto:

    Caro Claudio,
    mi sa che il graphite allesstito che ti ha stuzzicato da Fabio
    era proprio il mio! E pensa che quest’anno ho lavorato talmente
    tanto che ancora non l’ho provato a mare!
    Un abbraccio e bravo come sempre.

    Dario

  • Marcelo Mello ha detto:

    Ciao Claudio B. Sono dal Brasile e ho un grande interesse per questo fucile. Nella mia regione, la visibilità è alta e il passaggio di pesce sono di difficile approccio. Sto pensando di acquistare un Graphite 132 centimetri e volevo qualche consiglio, visto che hai già provato. Voglio configurarlo con il vicino (ASTA) 7 e 7,5 mm e doppio 16mm. Dove hai comprato il fucile e qual è stato il prezzo? Mi dispiace, ma sto usando un traduttore. Mi piace questo argomento e prove. . . abbraccio

  • admin ha detto:

    Purtroppo ho provato solo la misura 99 del Graphite quindi piu’ di tanto non posso dirti. Mi viene da pensare che un’asta da 7 mm sia la cosa migliore insieme a due elastici circolari da 16 mm.
    Ho acquistato il fucile a Roma Emporio del Pescatore il prezzo del 132 non lo conosco, credo sempre sopra ai 500 euro.
    Ciao
    Claudio

  • Luigi ha detto:

    Come mai hai preso il 99 possedendo già il 94 Mr Carbon? Che differenze hai riscontrato, dato che anch’io ho il 94.
    Ciao Grazie della risposta.

  • admin ha detto:

    Luigi ho preso il 99 perchè è una misura ancora gestibile dove pesco io nel Lazio, è piu’ lungo del 94 e lo utilizzo con il doppio 16.
    Chiaramente spara di piu’ è normale.
    Ciao

  • mingo ha detto:

    ciao claudio sto valutando l’ acquisto del grafite 99 ho qualche dubbio su come effetuare il circuito del terminale che dovrebbe anche trattenere l’ asta.grazie

  • admin ha detto:

    Non ho capito bene, vuoi sapere come metto la sagola sull’asta?
    Ciao

  • mingo ha detto:

    si, scusa mi sono espresso male, in rete ho trovato il video relativo al mr carbon ma non quello relativo al graphite. ciao

  • admin ha detto:

    Non c’e’ un video mi dispiace

  • mingo ha detto:

    grazie lo stesso.

  • Tommaso ha detto:

    Salve Claudio, ho un dubbio, probabilmente di quelli che difficilmente trovano una vera e propria risposta.
    Mi serve un fucile da utilizzare all’aspetto-agguato-caduta nei primi 15 m, un fucile che quindi sia versatile e con cui si abbia un intesa immediata immediato, perchè la mia pesca preferita è razzolare (per ora il mio fucile preferito è il MR Carbon 79).
    Il dubbio è tra il Graphite 99 e lo Stella 95, chi ha avuto l’opportunità di provare i due fucili e vuole darmi un consiglio sono tutt’orecchi.
    Grazie Tommaso

  • caman ha detto:

    piccola domanda..questo tipo di guida asta si puo imitare realizzando sul fusto di un arbalegno un guida asta a sezione quadrata da 2 mm di profondità? teoricamente dovrebbe funzionare allo stesso modo….helpp

  • admin ha detto:

    E’ una domanda tecnica a cui non so risponderti purtroppo, ma credo di si lo devi provare.
    Ciao

  • Marco ha detto:

    Salve Claudio,
    recensione molto interessante.

    Piccola domanda : qual’è il peso del C4 graphite 99 allestito (mulinello pieno, asta, etc.) ?

    Grazie.

    Ciao.

  • admin ha detto:

    Mi dispiace non so risponderti poichè non ho pesato il fucile e per il momento non ho piu’ la possibilità di farlo.

    Ciao

  • Jam ha detto:

    Ciao Claudio, le aste sigal erano con pernetti ribassati?

  • admin ha detto:

    Si pernetti ribassati
    Ciao


Lascia un commento