pescasub : Fucile LGSUB Manilu Revolution 102

Oleopneumatico LgSub Manilu Revolution 102 – Claudio Basili

Fucile LG Sub Manilu Revolution 102 cIl nuovo fucile della Lg Sub è stato presentato dall’azienda (era ancora un prototipo) per la prima volta al pubblico, alla fiera Eudi Show di Bologna 2015 riscuotendo un successo strepitoso. Molti visitatori hanno ammirato, con molto interesse e curiosità, tanto da diventare la novità principale della fiera. Dopo nove mesi, alla fiera di Roma MEDI SHOW, è stato proposto il modello definitivo riscuotendo anche in questo caso un successo inaspettato, molte persone sono venute soltanto per ammirare questo nuovo prodotto. In questi giorni mi è arrivato, direttamente dal produttore Gianluca Roberti, il modello LG Manilu Revolution 102 per fare una recensione e test in mare.

  pescasubapnea : Accessori LG Manilu Revolution

Accessori LG Manilu Revolution

Il fucile è arrivato completo di tutto (mulinello, sagola, asta, sleeves e nylon) pronto pesca , nella confezione c’è anche un foglio dove ci sono scritte tutte le caratteristiche tecniche, due guarnizioni di ricambio per la testata stagna ed un carichino con la prolunga.

Andiamo ora a descrivere nel particolare il Revolution 102

pescasubapnea : Fucile LG Sub Manilu Revolution 102  pescasubapnea : Fucile LG Sub Manilu Revolution 102 dx

LG Manilu Revolution 102

Misure e Pesi

* Lunghezza fuori tutto (testata – base calcio) del fucile circa 105.5 cm.

* Lunghezza del fucile (fine asta 115 – tappo valvola culatta) circa 120 cm.

* Fusto profilo tronco conico avanzato (max Ø 40 mm. – min Ø 30 mm.)

* Testata Light stagna (gr. 23)

* Impugnatura LG Sensitive Ergonomic

* Mulinello LG Twist Light

* Asta SigalSub (115 x 6,5 mm.) gr. 300

* Peso fucile assettato (asta – mulinello LG Twist Light c/sagola) gr. 1.140

Il Progetto

La denominazione LG Manilu Revolution nasce dalle iniziali del titolare, Gianluca Roberti, e di sua moglie, Luigina; l’acronimo Manilu prende spunto dalle iniziali dei loro tre figli: Marika, Nicolò, Luca.
Il Manilu Revolution è stato progettato con l’idea di offrire al pescatore in apnea un fucile maneggevole, preciso, performante e cosa importante affidabile. Il prodotto made in Italy, è di fattura esclusivamente artigianale; i materiali impiegati sono di elevata qualità e le varie lavorazioni dal pieno, sono svolte tutte con macchine utensili a controllo numerico CAD-CAM.
Le soluzioni inedite del progetto LG Manilu Revolution riguardano sia la composizione strutturale sia la scelta dei materiali di costruzione.
Gianluca mi spiega che tutto è iniziato osservando e analizzando le varie modifiche di Emanuele Zara pubblicate negli anni sulla rivista PescaSub & Apnea, sui siti web e ritenendolo esperto nel settore dei fucili oleopneumatici ha tratto dei suggerimenti e degli spunti tecnici per il nuovo progetto. L’obiettivo principale è stato quello di progettare un pneumatico con presa alta della mano e relativo grilletto alla corretta distanza di utilizzo; abbinargli un fusto tronco conico in modo da ottenere la massima naturalezza e spontaneità di puntamento oltreché il massimo assorbimento del rinculo e il massimo grado di brandeggio in tutte le direzioni. Una sfida artigianale, del tutto, da rispettare nei punti salienti ma stando attenti all’equilibrio dell’arma.

L’impugnatura

pescasubapnea : Impugnatura Lg Manilu Revolution

L’impugnatura denominata in quest’ultima versione 2016 LG Sensitive Ergonomic è costituita da due parti, separabili, unite meccanicamente tramite incastro a slitta e perni doppi di blocco. In totale, comunque, pochi e semplici pezzi, tutti smontabili, e facilmente sottoponibili a manutenzione. Il peso raggiunto è uno dei più bassi rilevati sul mercato (239 grammi circa), confrontato con impugnature commerciali stampate in polimero caricato.

Il castello

pescasubapnea : Castello LG Sensitive  pescasubapnea : Castello LG Sensitive dx

Il castello, di forma vagamente tronco conica, è la parte superiore in alluminio che compone l’impugnatura LG Sensitive Ergonomic. E’ realizzata/scolpita in modo assai elaborato da un blocco di lega di alluminio anticorodal con macchine ed utensili professionali. La lavorazione dal pieno assicura la massima qualità possibile: si ha la certezza che la lega metallica conservi tutte le caratteristiche meccaniche originali. Il castello nella parte superiore è abbastanza sfinato, alleggerito. Dal tondo di culatta del diametro approssimativo di una ventina di millimetri, circa, si sale sino a terminare con il tondo 40 mm esterno che si raccorda con il serbatoio a profilo tronco conico. Il logo LG SUB è inciso direttamente e abbastanza profondamente nel metallo così come il nome (a richiesta) scavato a fresa attorno alla culatta, perpendicolarmente ad essa.
Il tappo valvola è quasi incassato a filo, esilissimo come forma, tornito in Delrin® bianco. Copre la valvola a spillo posteriore, inserita con O-Ring di isolamento sulla canna interna.

pescasubapnea : Impugnatura e castello Lg Manilu Revolution  pescasubapnea : Impugnatura con nome Lg Manilu Revolution

Particolare impugnatura con nome inciso

Il Calciolo

pescasubapnea : Calcio Ergonomic LG Revolution  pescasubapnea : Calcio Ergonomic superiore LG Revolution

Il calciolo Ergonomic, separabile e rimovibile, è innestato a slitta nella parte inferiore del castello. Se si estraggono le due spine in acciaio inox da 4 mm che lo bloccano saldamente si smonta e si può osservare il castello nel dettaglio.
Anch’esso è ricavato da un blocco di Delrin® bianco (un materiale plastico a bassa igroscopicità e con ottime caratteristiche meccaniche), ben visibile sott’acqua, e sembra impossibile sia stato realizzato a macchina tanto è elaborato e rifinito! E’ leggero, scaricato il più possibile, cavo all’interno, sulla superficie molte parti zigrinate nei punti di contatto della mano. Il lavoro più impegnativo della LG Sub, che ha voluto andare fortemente controcorrente in questo progetto, consiste nell’aver disegnato il calciolo Ergonomic partendo soltanto dalla mano del pescatore, e cercando di rispettarne al massimo l’ergonomia di presa libera, naturale, stabile. Nessun raffronto con altri calci di fucili subacquei. Totalmente riprogettato.
Da un profilo anatomico, e sedi per le dita pre impostate, si è passati quindi a una sagoma altamente ergonomica, con attenzione all’appoggio della mano senza tensione muscolare, con sede pollice/indice altissima che rispetta le curvature anatomiche e non impone sedi preformate per le tre dita di appoggio sottostanti (mignolo, anulare, indice) che possono stare, ora, ripiegate naturalmente e leggermente alla base del calciolo. Ma l’aspetto che ha migliorato enormemente il controllo in acqua del nuovo LG Manilu Revolution è stato l’innalzamento ulteriore della presa manuale. Ci vuole un po di tempo per “capire” il calciolo Ergonomic, per entrarci in sintonia, ma una volta instaurato il corretto feeling ci si trova benissimo.
Curve morbide o acute, angoli e angolature, svasi, forellini e aperture, zigrinatura su plastica: un’opera d’arte all’occhio più attento.

Sistema di sgancio

pescasubapnea : Grilletto Regolabile LG Revolution  pescasubapnea : Grilletto Regolabile LG Revolution dietro

All’interno dell’impugnatura LG Sensitive Ergonomic si trova la porzione terminale della canna e la meccanica di aggancio/sgancio. La precisione di innesto canna, dei leveraggi è calibrata al centesimo di millimetro. Non si evidenziano lassità tra i componenti, tutti lavorano con la massima precisione possibile. Ne deriva che le prestazioni balistiche sono ottimizzate sotto tutti i profili.
La LG ha cercato di infulcrare la meccanica di sgancio più indietro possibile nel progetto Manilu Revolution. Rispetto un classico pneumatico tradizionale l’arretramento della meccanica è pari a circa 30 mm, la coda del dente è a pochi centesimi di millimetro dalla valvola a spillo, rivista notevolmente come ingombri dimensionali. Questo per avere un arma pneumatica con un rapporto ingombro/posizione pistone il più efficace ed efficiente possibile. Anche il dente di sgancio è stato ridisegnato sia come leve sia come angoli di contatto con il codolo pistone. Nuovo braccio di leva anteriore, nuova molla incassata posteriore, elementi che donano uno sgancio senza ritardi, leggero e dolce al rilascio, immediato nel tramettere lo sgancio del pistone. Il materiale è una novità nel campo dei meccanismi dei pneumatici. Si è utilizzato il pregiato acciaio inossidabile martensitico serie AISI 400, sagomato laser, rifinito a macchina utensili, temperato sino a raggiungere una durezza di oltre 55/56 punti HRC. Si capisce che si tratta di una meccanica fatta per durare nel tempo e dotata di caratteristiche meccaniche superiori. E’ comandato nell’azione da un perno di connessione da 1.5 mm, in acciaio, stondato e lucidato alle estremità. Il pernino lavora all’interno di una bussola di centraggio in Delrin autolubrificante, non in metallo; le sedi O-ring ricalibrate a bassa tensione di carico offrono bassissimo attrito allo scorrimento interno.

Il pistone

pescasubapnea : Pistone LG revolution

Il pistone montato sull’LG Manilu Revolution è una nuova versione del pistone LG Speed. Osservandolo da vicino, si può vedere che ha una lavorazione meccanica e fattura unica, rasenta la perfezione costruttiva. Il materiale usato è il Delrin® nero lavorato con tecnica CAD CAM, dal pieno.
Il pistone (più corto di uno tradizionale), insieme alla meccanica arretrata porta la misura di risparmio a circa 40 mm totali rispetto la meccanica di un pneumatico classico.
La Lg Sub ha sperimentato che una finitura ruvida (godronatura), di fatto una trama fitta e micro scanalata, trattiene il lubrificante a lungo! Il pistone LG Speed dotato di un solo O-Ring e di una forma a doppia corona che lo rende stabile all’interno della canna, scorre meglio di altre soluzioni, l’attrito è ridotto. In LG si è puntato molto sulla riduzione degli attriti e quindi per ogni canna del Manilu Revolution si adatta un solo pistone, calibrato. Il codolo del pistone LG Speed è in acciaio inox con una semisfera terminale molto corta e ridotta di dimensioni. La presa sul dente è sicura, immediata ma il rilascio è fluido, gli angoli di contatto sono ridotti al minimo.

Il fusto

pescasubapnea : Lg Revolution fusto conico

Il serbatoio del nuovo LG Manilu Revolution è cilindrico, a profilo troncoconico e s’innesta sull’impugnatura Sensitive Ergonomic con diametro esterno 40 (interno 38 mm). La conicità del fusto non è particolarmente accentuata ma breve è la porzione cilindrica alle due estremità, parte dall’impugnatura 40 mm e finisce sull’ogiva a circa 30 mm.
Gianluca mi riferisce che tutti i serbatoi LG sono ottenuti per deformazione a freddo: si parte da un cilindro in lega di alluminio anticorodal 6060 che subisce un processo di riduzione meccanica, secondo la tronco conicità stabilita da progetto, una per ogni lunghezza.
Successivamente il fusto e tutti i particolari in lega di alluminio presenti sul pneumatico LG Manilu Revolution, (di colore “testa di moro”) subiscono un trattamento di anodizzazione per usi intensivi, da parte di una ditta specializzata. L’ossidazione anodica riportata è minimo 18 micron.
Gli adesivi laterali della casa con la lunghezza operativa del fucile estesa e non cifrata in numeri, sono in PVC, a rilievo. Per la rifinitura ulteriore del fusto la LG Sub ha aggiunto una verniciatura trasparente, opaca, che ricopre interamente il serbatoio a profilo tronco conico. Al tatto sembra quasi un processo di plastificazione protettiva. La verniciatura avviene in una carrozzeria specializzata, a polvere e in forno.

La canna

La canna interna montata sul nuovo LG Manilu Revolution è 12 mm interni, e solo16 mm esterni, quindi come una canna tradizionale 11/16 mm (la filettatura terminale della canna LG è infatti una 16×1.25 mm). La leggerezza di questo componente è notevole, nonostante sia più lunga di 30 mm. rispetto a quella montata su un pneumatico tradizionale. Nella misura 102 la canna è lunga 955 mm. e pesa circa 210 gr. Le canne in lega di alluminio sono fatte trafilare su specifica dalla LG sub, l’interno è calibrato con alesatura H8 e poi lavorate una per una all’interno della ditta LG Meccanica. Di seguito tramite un comparatore meccanico, si calibrano i pistoni singoli così da avere componenti che lavorano a basso attrito.
Il blocco della canna all’interno del castello LG Sensitive è particolarmente curato sotto il profilo meccanico. Un perno trasversale in acciaio inox si inserisce in due binari, lavorati a fresa, precisi al centesimo di millimetro. La soluzione adottata, e il contatto esclusivo tra parti metalliche evita torsioni, micro movimenti, rilasci.

L’ogiva LG light

pescasubapnea : Ogiva LG Light Revolution  pescasubapnea : Testata e boccola LG

L’ogiva Light raccorda il serbatoio troncoconico, con la testata stagna LG Light ed è anch’essa in Delrin®, lavorata dal pieno. La giunzione tra serbatoio ed ogiva e mantenuta stagna mediante due O-Ring toroidali esterni ed uno interno che sigilla l’esterno canna. Il disegno e la lavorazione CAD CAM mostrano un’ogiva con scarichi laterali che la rendono piacevole come aspetto estetico e ne alleggeriscono la sagoma. Nella parte superiore è stato realizzato un mirino (allineato con il castello dell’impugnatura), mentre di lato, due braccetti a unghia che sull’estremità accettano un passante in acciaio inox (lavorato direttamente dalla LG).

Testata stagna LG Light

pescasubapnea : Testata  e boccola LG Dynamic  pescasubapnea : Testata e boccola LG

La nuova testata stagna Lg Light risulta ad oggi la più compatta e leggera sul mercato; misura 59 mm. di lunghezza, 20 mm di diametro e pesa circa 23 grammi. Anche la testata è in alluminio anticorodal e lavorata (CAD-CAM) dal pieno. All’interno della testata stagna Lg Light c’è una nuova boccola d’ammortizzo, la LG Dynamic New, formata da due rondelle in elastomero appaiate di diversa durezza Shore-a: un disco è rigido, per la battuta del pistone, l’altro più cedevole e lavora per deformazione elastica. Il terminale della testata ha un profilo tronco conico, e all’interno sono inseriti due X-ring, le guarnizioni che mantengono stagno il fucile quando si inserisce lo scorrisagola dedicato LG.

Scheda riassuntiva pneumatico LG Manilu Revolution 2016

  • Modello: fucile a propulsione pneumatica, scomponibile.
  • Impugnatura: Sensitive Ergonomic, a pistola, con calcio ergonomico in Delrin®, castello in alluminio, entrambi lavorati dal pieno.
  • Meccanica di sgancio: arretrata di 40 mm, dente inox temperato a braccio di leva rivisto, pistoncino di connessione da 1.5 mm con bussola guida in Delrin®.
  • Serbatoio: in lega di alluminio anticorodal 6060 T 5 deformato a freddo, design a geometria di sviluppo tronco conica.
  • Canna: in lega di alluminio, 12 mm di diametro interno, 16 esterno.
  • Ogiva: in Delrin®, doppio braccetto laterale per passaggio e vincolo sagola.
  • Testata: stagna, in lega di alluminio.
  • Regolatore di potenza: non presente.
  • Sganciasagola: automatico, laterale dx.
  • Asta: Sigal Sub in acciaio inox doppia aletta a scelta tra 6.5 e 7 mm.
  • Misure disponibili: LG Manilu Revolution disponibile nelle seguenti lunghezze nominali: 82 – 92 – 102 – 112 – 117 – 124.
  • Note: accessori di serie: asta tahitiana Sigal Sub da 6.5 o 7 mm mono o doppia aletta con scorrisagola kit stagno LG in Delrin®; matassina monofilo di nylon Asso Triple Force 1.20/1.40 mm, lunghezza tre passate; mulinello LG Twist Light a scelta; carichino con sagola per prolunga; brugola per regolazione grilletto; kit ricambio doppio X ring testata; brochure istruzioni.

Prova in piscina

In collaborazione con l’Emporio del Pescatore ed il Forum PescaSub & Apnea, Gianluca Roberti LG SUB ha organizzato una serata di prove in piscina a Roma “LG TEST DAY” per far vedere e testare il nuovo fucile LG Revolution. Ho partecipato personalmente facendo delle riprese video cercando di far vedere come si comportano questi fucili in acqua e successivamente ho fatto qualche tiro di prova.
La serata è riuscita benissimo, per molti dei partecipanti è stata la prima esperienza con i fucili pneumatici e devo dire che sono rimasti molto colpiti dalle loro prestazioni.

Questo è il video delle prove in piscina con due misure diverse, 82 e 102 con asta da 6,5 mm.

Prova in Mare

La prova in mare di questo fucile l’ho fatta nel periodo invernale e purtroppo non ho avuto molte occasioni e pesci interessanti da sparare, pero’ sono riuscito a capire benissimo il comportamento e le qualità.
Ho lasciato la precarica a 20 atm come consegnatomi dalla casa, ho soltanto sostituito l’asta da 6,5 mm. con una 6,75 mm. Sigalsub stessa lunghezza, poiché preferisco pescare con un fucile leggermente negativo in punta.
Per caricarlo ho sempre utilizzato la prolunga poiché non arrivo con la mano ad afferrare il carichino con sicurezza e stabilità. Il procedimento è semplice e veloce nonostante la mia poca esperienza, questo perché la pressione di precarica (20 atm.) non è elevata ed accessibile a tutti.
Unico accorgimento da rispettare in acqua, dopo ogni volta che si è sparato, è quello di svuotare i pochi centimetri di colonna d’acqua che rimangono nella testata (basta inclinare il fucile in superficie). Subito dopo si inserisce il codolo, si spinge lo scorri sagola nella testata e poi si ricarica il fucile.
Appena entrato in acqua il fucile, si presenta molto leggero, si porta veramente con due dita, la sensazione è simile a quella di un arbalete di legno ma con un ingombro notevolmente minore. Le prove di brandeggio e l’assetto mi hanno veramente sbalordito, si gira meglio di arbalete da 75 centimetri. Il puntamento è molto veloce, la forma conica del serbatoio e la piccola testata, oltre a favorire i movimenti, rendono la visibilità sul bersaglio impressionante. L’impugnatura ed il grilletto regolabile millimetricamente (io l’ho avvicinato poiché ho la mano piccola), rendono la presa stabile ed il tiro preciso e con pochissimo rinculo, poiché si riesce ad assorbire quasi tutta la potenza (mano-polso) anche con il braccio piegato.
Il Tiro è potente e teso fino a fondo corsa, con asta da 6,75 mm. riesce a tendere tre passate doppie ed in piu’ toglie sagola dal mulinello; il tutto in pochissimo tempo, la velocità dell’oleopneumatico è bruciante. I pesci che ho sparato durante le pescate, non lontanissimi, sono stati tutti insagolati nonostante lo scorri sagola e la forza d’impatto sul pinnuto è veramente imponente (il pesce accusa il colpo).
Voglio raccontarvi il primo tiro, un pesce non facile da sparare, ad una spigola che mi è passata molto veloce da destra verso sinistra. In quel momento ho ruotato velocemente il fucile puntandola sul muso pensando che anticipandola di poco l’avrei preso dalla testa verso il corpo. Invece il tiro veloce è andato proprio in quel punto e l’ho pizzicata sul muso senza prenderla. Da quel momento ho capito che con questo fucile il pesce va sparato a bersaglio pieno e non anticipato neanche di un centimetro.

Ho realizzato un video tecnico con qualche cattura, dove si puo’ vedere il fucile in azione.

Conclusioni finali

La prima pescata in mare, dove non ho visto un pesce, ho avuto un’impressione diversa di questo fucile, non mi aveva convinto lo sparo a vuoto che avevo fatto per scaricare il fucile prima di uscire. L’impressione è stata di tiro normale e niente di particolare e pure in piscina andava benissimo. Poi ho capito che sono stato ingannato dall’assenza di rinculo e dal vuoto davanti a me, nessun riferimento come bersaglio. Poi, quando si sono presentati i primi pesci, ho visto effettivamente la sua vera potenza e velocità e devo dire che quando il pinnuto è in mira, non ha piu’ scampo.
Sono riuscito a pescare, nonostante sia un 102, anche con pochi metri di visibilità piegando il braccio e devo dire che non ho patico la lunghezza e tutto quello che passava a tiro, era spacciato.
Tutto questo con soli 20 bar di precarica (un amico mi ha consigliato di provarlo a 16 bar con asta da 6,6 mm.) !!
Devo dire che Il Revolution ha tutti i pregi che un pescasub puo’ desiderare, facile da caricare, velocità di brandeggio, facilità di puntamento, potenza, velocità ma soprattutto leggerezza in acqua, prerogativa che ho apprezzato tantissimo.

Volevo ringraziare Gianluca Roberti (LG Sub) per avermi dato l’opportunità di provare i suoi prodotti.

Ci tengo a precisare che le annotazioni ricavate da questi test sono strettamente personali e possono essere anche non condivisibili, il mio scopo è quello di condividere con tutti le mie impressioni sul prodotto.

La proprietà del materiale pubblicato nel FORUM pescasubapnea.forumfree.it, salvo diversa indicazione, è dei rispettivi autori. E’ vietata la ripubblicazione, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato nel sito pescasubapnea.com senza preventiva autorizzazione scritta.”

Claudio Basili

4 Comments »

  • David fusco ha detto:

    Un test molto esaudiente,
    praticamente sembra di averlo provato.
    Grazie alla prossima

  • admin ha detto:

    Ti ringrazio David per aver letto e apprezzato l’articolo.
    Ciao
    Claudio

  • Peter Carter ha detto:

    Very interesting construction with much machining and milling of components to produce a very attractive gun that appears to meet all functional requirements. I am curious as to the working course of the piston or the piston stroke for each model, but in particular the 92 cm model which is the most suitable size for my purposes. Everything else appears to have been covered in this comprehensive article. My apologies for not posting in Italian, but auto-translation often produces strange and unintended results, so I take the chance to post in my own language as Italian to English appears to work fine, but unfortunately not vice versa.

  • admin ha detto:

    Peter mi dispiace, purtroppo non conosco questa misura “corsa pistone” perchè non controllato questa misura interna.

    Ciao

    Claudio


Lascia un commento